Non ti curar di loro……..

Non ti curar di loro, ma guarda e passa
di Furlan Mario
27/05/2011

Se ti preoccupi di piacere a tutti, corri il rischio di sprecare tempo ed energie preziose, togliendole alla realizzazione dei tuoi obiettivi e del tuo percorso.

Non puoi piacere a tutti. Per quanto ti impegni, per quanto ce la metti tutta, ci sarà sempre chi avrà da ridire. Da disapprovare. Da accusare. L’ho imparato a mie spese.

Da ragazzo ci restavo malissimo quando qualcuno mi criticava. Per carità, le critiche costruttive vanno benissimo: aiutano a migliorare. Ma ci sono persone che criticano sempre. E comunque. Per invidia. Per gelosia. Per meschinità. Perché se hai successo si rodono il fegato. Perché credono che se tu sali, loro scendono. Sono dei mediocri: gente frustrata, insoddisfatta. Che “rosica” se tu prosperi. Sta male se tu stai bene. Perché i tuoi successi fanno apparire ancora più clamorosi, per contrasto, i loro insuccessi.

La cosa da fare è una sola: infischiarsene. Alzare le spalle… o, come suggeriva Gesù ai suoi apostoli, spesso vittime dell’ostilità popolare, “scuotere la polvere dai calzari”.

Sei convinto di quello che fai? Sei sicuro che sia la cosa giusta? Perfetto. Allora fregatene delle malelingue. Sai che, qualunque cosa farai, avranno sempre e comunque da ridire. Come nella seguente favola di Esopo…

Padre e figlio vanno a casa, con il loro asinello al fianco. Un passante li vede e sghignazza: “Siete più somari voi di lui, avete un asino e andate a piedi!” Allora gli salgono in groppa.
Un secondo viandante li accusa: “Vi denuncio per maltrattamenti, non si può stare in due sull’asino, state spezzando la schiena alla povera bestiola!”
Il figlio scende, il padre resta sull’asino. Arriva un terzo signore che grida: “Vergogna, il padre grande e grosso sta seduto mentre il ragazzino, mingherlino e fragile, è costretto a faticare!”
Altro cambiamento: il padre scende, il figlio sale. Quand’ecco che li vede un anziano e dà fuori di matto: “Che mondo è mai questo, dove i giovani mancano di rispetto ai vecchi?! Che schifo, un ragazzo nel pieno delle forze non cede il posto al vecchio padre!”

Morale: non puoi accontentare tutti. L’importante è che tu sia contento di te stesso. Non perdere tempo ed energia a tormentarti su quello che dicono, o pensano, gli altri. Sono tempo ed energia che distogli dal tuo scopo, dal raggiungere i tuoi obiettivi… e raggiungere, per quanto possibile su questo pianeta, la felicità.

Non dare ai maligni la soddisfazione di soffrire per le loro cattiverie. Segui invece il consiglio di Dante: “Non ti curar di loro, ma guarda e passa”.

Advertisements

About claudiomino

amo essere semplice
This entry was posted in crescita personale. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s